Scopriamo l’importanza di esportare nei Paesi dell’Est Europa i nuovi modelli e tecniche colturali, grazie alle parole di Mladen Todorovich ( Amministratore Scientifico Senior dell’Istituto Agronomico di Bari).

 

La Digital Revolution che ha investito il settore dell’Agricoltura ha visto protagonisti i paesi più sviluppati, dal Nord America al Nord Europa. Ad oggi sono quindi ben noti i vantaggi e le infinite possibili applicazioni degli stumenti digitali per l’Agricoltura, sia in termini di risparmio di risorse sia di migliorata qualità del prodotto.

E’ importante adesso, che questi Paesi si facciano portavoce dell’esportazione del nuovo know-how anche in Paesi meno sviluppati, consentendo a questi di avere a disposizione gli stessi strumenti tecnologicamente avanzati. L’importanza di utilizzare strumenti digitali sul settore agricolo dell’Est Europa è stata ben sottolineata da Mladen Todorovich (Amministratore Scientifico Senior dell’Istituto Agronomico di Bari) nell’intervista al quitidiano , Панорама (Panorama).

“E’ importante che l’irrigazione sia ben calibrata sulla base della coltura in oggetto” spiega Mladen, sia il clima a cui sono sottoposte. Esistono infatti alcune situazioni in cui la pianificazione irrigua deve basarsi non solo sul fabbisogno della pianta ma anche sulle temperature, onde evitare che l’acqua appena fornita evapori. Secondo Mladen Todorovich,lo strumento adatto a questa missione sono proprio i dispositivi digitali di uso comune come smartphone e tablet.

Inoltre la “modernizzazione del settore” diventa uno strumento economicamente rilevante, sia per fortificare quelle che sono le competenze già in possesso sia per accrescere il valore aggiunto del prodotto finale. Al livello delle singole aziende agricole, “l’accesso a queste metodologie genera non solo benefici in quanto a risparmio idrico, ma consente di ottenere un prodotto più stabile, maggiori rendimenti e profitti”, sopratutto se i modelli agronomici vengono correttamente calibrati sul clima di ciasun Paese in cui sono implementati.

Infine, Mladen Todorovich sottolinea l’importanza globale di attuare un’irrigazione più consapevole, in quanto “il clima è in profondo cambiamento, e le precipitazioni sono sempre più scarse” soprattutto su regioni molto aride, come quelle dell’Est Europa.

E’ quindi quantomai importante assicurare l’accesso alle nuove tecnologie al servizio dell’irrigazione ad un pubblico sempre più ampio, in tal senso Bluleaf e Netsens stanno lavorando sinergicamente al progetto KosAgri, che ha l’intento di esportare in Kosovo il know-how e le tecnologie sviluppate per l’irrigazione della vite da vino (Vinesens).